Bomba o non bomba è ora rottura tra Baraldi e la Lega

bombe c

Bomba o non bomba, sono certo che prima o poi arriverò anche a Roma. Dove lunedì si è svolto il consiglio federale in call conference dal quale non è trapelato sinora praticamente nulla. A parte un’intervista del presidente federale al… Continua a leggere

Un foglio in bianco: ai giochini del Messi(n)a non ci sto

foglio bianco

Meglio che stia zitto. E, cucendomi la bocca, che consegni il compito in bianco (vedi foto). Non cado nel tranello dell’Innominabile siculo che non ha mai saputo perdere e mi meraviglio solo che Giorgio Armani gli lasci fare questo giochino di… Continua a leggere

Nel basket di Pozzetto c’è ben poco da ridere per Messina

italia c

Un po’ me ne vergogno, devo essere sincero, e non poco, di scrivere oggi di palla nel cestino e non del Maestro Gianni Clerici che ieri se n’è andato in punta di piedi, senza fare rumore, così com’era lui: un… Continua a leggere

Stavolta sto con Sacchetti che non va più giù a Petrucci

sacchetti c

Vado di corsa e sono già col fiato corto, ma vorrei arrivare a evidenziare ancora alcune cosette prima che, povero illuso,  Jaiteh e Cain si contendano la palla a due della prima semifinale di uno scudetto che mi divertirebbe un mondo se… Continua a leggere

Messina, santo e martire, al rogo come Giovanna d’Arco

giovanna darco c

Telegraficamente senza fili. Se ne sono capace. Ne dubito, ma almeno ci provo. Ho passato una settimana oltre modo difficile tra il Giustinianeo, il vecchio (caro) ospedale di Padova, dove martedì mi hanno beccato anche i valori della glicemia un… Continua a leggere

Mancini un mostro come Ventura ma Zanetti è pure peggio

nuovi mostri

Sarò sincero e quindi antipatico. Parecchio antipatico. Perché la verità brucia e ti fa male: lo so. Lo affermava nel 1966 anche Caterina Caselli, Caschetto d’oro, che con quella non proprio stupida canzone, ma quasi, ha fatto una carriera esagerata.… Continua a leggere

Stefania e Amos: nasce dal curling il primo sogno olimpico

curling pechino

Il Giorno del Presidente nel primo pomeriggio di Raiuno mi ha emozionato: non lo nascondo. E non perché sono ormai un povero vecchio che si commuove facilmente o va matto per Sergio Mattarella. La cui rielezione in verità non mi… Continua a leggere

Solo un matto può andare a Pesaro per la Coppa Italia

fiorello

Ho avuto un’idea meravigliosa. Capita anche a me. Ma non più di una volta all’anno. Altrimenti mi monto la testa. Come Queen Elisabeth Casellati che voleva diventare presidente della Repubblica e non si è staccata dal cellulare (all’orecchio) nemmeno per… Continua a leggere

Pagina 1 di 712345...Ultima »